LE PRINCIPALI NOVITA’ contenute nel BANDO FIERE Secondo Semestre 2024

Print Friendly, PDF & Email

La Camera di Commercio delle Marche, in collaborazione con la Regione Marche, intende proseguire la sua attività di sostegno alle imprese del territorio che partecipano individualmente alle manifestazioni fieristiche nazionali ed internazionali nel secondo semestre 2024, sia in presenza che in modalità virtuale.

Nel confermare le modalità di realizzazione dell’immagine coordinata a 3 LOGHI personalizzata con il proprio LOGO AZIENDALE e di esposizione nel proprio stand durante la fiera, il Bando Fiere 2° semestre introduce anche importanti modifiche.

Tra le principali novità, evidenziamo:

Il Bando 2° semestre 2024 riconosce ancora le 5 tipologie di fiere (A- Italia; B- Paesi UE; C- Paesi extra UE; D- Fiere nelle Marche; E- Fiere digitali)  e le medesime percentuali di contributo per ciascuna tipologia (60% dei costi ammissibili). A differenza dei precedenti, però, si potrà presentare una sola domanda per il periodo considerato.

La domanda di contributo dovrà essere inviata esclusivamente in modalità telematica tramite la PIATTAFORMA RESTART

Rimane l’obbligo di invio telematico della domanda, ma cambia la piattaforma. Le istruzioni per l’invio telematico attraverso la piattaforma RESTART saranno contenute nelle apposite guide alla presentazione delle domande che verranno pubblicate dalla Camera nel proprio sito web www.marche.camcom.it , prima della data di apertura del bando.

La Camera si riserva la possibilità di decretare, con provvedimento dirigenziale, la chiusura anticipata dello Sportello Telematico del Bando in caso di esaurimento dei fondi disponibili. La notizia è pubblicata nella home page del sito www.marche.camcom.it

Le domande di ammissione ai contributi sono istruite “a sportello”, ossia, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande. (…) Le domande pervenute in tempo utile e ritenute ammissibili, ma non assegnatarie del contributo a causa dell’esaurimento delle risorse disponibili, saranno inserite in una lista di riserva stilata in base all’ordine cronologico di invio delle domande e potrebbero essere finanziate – fatto salvo il permanere dei requisiti di ammissione – nel caso si rendano disponibili nuove o ulteriori risorse.

Ogni documento di spesa presentato dovrà essere successivamente regolarizzato tramite l’APPOSIZIONE DEL CUP (Codice Unico di Progetto) assegnato dalla Camera e ritrasmesso alla stessa entro 10 giorni dalla comunicazione di attribuzione del Codice

Le fatture relative all’acquisizione di beni e servizi oggetto di incentivi pubblici alle attività produttive, erogati a qualunque titolo e in qualunque forma da una Pubblica Amministrazione, devono contenere il Codice Unico di Progetto (CUP). Poiché i documenti delle spese ammissibili al Bando  sono emessi antecedentemente alla data di presentazione della domanda di contributo e all’atto di concessione, questi dovranno essere regolarizzati tramite l’apposizione del codice CUP.

Nel corso del procedimento amministrativo, verrà assegnato un codice CUP alle domande teoricamente ammissibili e finanziabili e ne verranno comunicate le modalità di apposizione nei documenti di spesa presentati all’atto dell’invio della domanda. Le imprese, dopo aver regolarizzato i documenti, dovranno ritrasmettere la documentazione alla Camera di Commercio a mezzo PEC entro 10 giorni dalla comunicazione di attribuzione del CUP.

Infine, nel Bando si precisa che l’attribuzione del CUP non costituisce ammissione a contributo essendo ancora in corso l’istruttoria delle domande pervenute.

  • Mancanza dei requisiti (Art. 2)
  • Mancato rispetto dell’esposizione dell’immagine coordinata a 3 loghi nello stand (Art. 2)
  • Domande inviate prima o dopo le date e gli orari indicati nel Bando (Art. 5)
  • Domanda presentate in modalità difforme dall’invio telematico o tramite sportelli telematici riferiti ad altri bandi camerali (Art. 5)
  • Mancanza del “Modello Modulo pratica Restart” e/o dell’Allegato A “Modulo di Domanda” e/o modelli non firmati o con firma digitale non valida alla data di invio della domanda (Art. 5)
  • Allegati completamente in bianco o illeggibili, anche se firmati dal titolare legale rappresentante e/o intermediario (Art.5)
  • La mancata regolarizzazione con l’apposizione del CUP, nei termini e nelle modalità indicate, di tutti i giustificativi di spesa (Art. 7)

Il testo integrale del Bando Fiere 2° Semestre e tutte le informazioni e gli eventuali aggiornamenti, la Modulistica per la richiesta del contributo, Guide RESTART e file pdf vettoriale per la creazione dell’immagine coordinata a 3 loghi sono disponibili alla pagina dedicata del sito della Camera di Commercio delle Marche: https://www.marche.camcom.it/fai-crescere-la-tua-impresa/bandi-e-contributi/bando-internazionalizzazione-secondo-semestre-2024

Translate »